Le novità librarie
Sei qui: Home

Le novità librarie

 

Paolo Cognetti  –  Senza mai arrivare in cima: viaggio in Himalaya
«Alla fine ci sono andato davvero, in Himalaya. Non per scalare le cime, come sognavo da bambino, ma per esplorare le valli. Volevo vedere se da qualche parte nel mondo esiste ancora una montagna integra, vederla coi miei occhi prima che scompaia. Sono partito dalle Alpi abbandonate e urbanizzate e sono finito nel piú remoto angolo di Nepal, un piccolo Tibet che sopravvive all'ombra di quello grande e ormai perduto. Ho camminato per 300 chilometri e superato 8 passi oltre i 5000 metri, senza raggiungere nessuna cima. Mi accompagnavano un libro di culto, un cane incontrato lungo la strada, alcuni amici: al ritorno mi sono rimasti gli amici».

G. Bellorini, A. Gasparotto, F. Tagliapietra - Luigi Russolo: la musica, la pittura, il pensiero
Sono pubblicati 18 testi di Russolo, riguardanti l'arte dei rumori, la pittura, l'architettura, senza tralasciare le riflessioni che accompagnarono le esperienze legate all'occultismo e alla teosofia. Viene analizzata la nascita degli scritti in relazione ai momenti cruciali della vita dell'artista e ai suoi rapporti intellettuali e professionali, sottolineando continuità ed evoluzioni delle sue idee in ambito musicale, artistico e filosofico

 

Franco Bolelli - Come Ibra, Kobe, Brece Lee: lo sport e la costruzione del carattere
"Come Ibra, Kobe, Bruce Lee" è un libro sullo sport che parte dalla convinzione che "chi sa tutto soltanto di sport non sa niente neanche di sport". Nell'agonismo e nella dedizione di cui si nutre lo sport c'è qualcosa che lo supera ed è lì che si forma gran parte della mitologia di cui abbiamo bisogno in ogni azione della nostra vita. È grazie ai grandi atleti che hanno segnato la storia che oggi si possono raccontare quei valori e quelle attitudini che sono fondamentali per la nostra esistenza. In queste pagine troverete: tredici grandi insegnamenti che ci vengono dallo sport e che sono essenziali per la costruzione del carattere e del senso di responsabilità; quattro grandi storie di personaggi che hanno lasciato il segno: Michael Jordan, Bruce Lee, Kobe Bryant, Zlatan Ibrahimovic; undici flash su episodi e personaggi da cui c'è molto da imparare.

 

Susin Nielsen - Gli ottimisti muoiono prima
Petula è una cinica pessimista con un solo credo: a pensar il peggio ci azzecchi sempre. Scontrosa e solitaria, paranoica al limite dell’assurdo, protettiva all’eccesso nei confronti anche dei genitori, la sedicenne sconta in questo modo il senso di colpa che porta dentro. È convinta infatti di aver causato la morte della sorellina, soffocata da un bottone che lei stessa aveva cucito su un costume fatto insieme alla sua migliore amica Rachel. Il dolore e la rabbia che ne è nata hanno fatto sì che rompesse i ponti con l’amico, coi compagni e si creasse una sorta di bolla protettiva da cui esce a scuola o nei casi in cui è obbligata, ad esempio nella partecipazione agli incontri di arteterapia insieme a un manipolo di singolari ragazzi. Finché arriva Jacob, che offre un altro punto di vista: la trova anticonformista e fatalista (diciamo che lui è un gran ottimista, in questo caso!). Jacob ha una mano artificiale, un incidente d’auto ha segnato la sua vita, non compare su nessun social, ha la passione per il cinema e vuole diventare un bravo regista. Sarà proprio un lavoro insieme a scuola a dare il via alla loro complicità, fatta di scontri, parole e silenzi, che coinvolgerà tutto il gruppo di arteterapia, ciascuno dei cui componenti svelerà pian piano se stesso.

 

Ahmad Joudeh - Danza o muori
«Sono nato circondato dall'amore, ma poi mi sono trovato immerso nel buio. Finché non ho ritrovato la luce dentro di me: la danza.» È così che Ahmad Joudeh racconta la sua vita: la storia drammatica ed esemplare di chi, fin da giovanissimo, si è trovato a lottare contro tutto e tutti pur di coronare il suo sogno. Dopo un'infanzia felice vissuta a Yarmouk, in Siria, la scoperta di una crescente passione per la danza è un richiamo a cui Ahmad sente di non potersi sottrarre. Ma non è semplice diventare un ballerino se vivi in una delle periferie più difficili di Damasco, e se tuo padre si oppone categoricamente a tutto ciò che non ritiene abbastanza "virile" e tradizionale per i suoi figli maschi. Iniziano così anni cupi, fatti di fughe per correre di nascosto ai corsi di danza, di momenti di solitudine e di litigi tremendi che degenerano nella violenza fisica. E poi, la straziante guerra civile, che fa sprofondare nel buio un paese intero. Ma la vocazione di Ahmad per il ballo è una luce che nulla può spegnere: neanche i bombardamenti, neanche le minacce dei fondamentalisti, neanche il terrore. Non solo Ahmad continua a danzare, ma insegna a farlo ai bambini di Damasco. Ed è grazie alla danza e alla propria determinazione che Ahmad ha potuto cominciare una nuova vita in Europa, arrivando a realizzare il sogno di esibirsi in un passo a due con il suo idolo di sempre, Roberto Bolle. Prefazione di Roberto Bolle.

 

Elizabeth Chadwick - La regina ribelle: il romanzo Eleonora D’Aquitania
Colta e bellissima, ambiziosa e spregiudicata, Eleonora d'Aquitania vive in un'epoca, il XII secolo, in cui le donne sono ridotte al silenzio e all'obbedienza. Ma lei è determinata a ribellarsi a ogni costrizione: partecipa alla seconda Crociata; divorzia dal primo marito - Luigi VII, re di Francia - e, nello sconcerto generale, sposa Enrico II d'Inghilterra, di undici anni più giovane; diventa la musa dei trovatori nella sua «Corte d'amore» a Poitiers, dove si cantano la passione e la sensualità; tratta come pedine di un gioco politico i due figli più amati, Riccardo Cuor di Leone e Giovanni. Il mondo la odia e la teme, ma non riesce a fermarla: sulla sua strada, Eleonora lascerà vittime innocenti e cuori straziati, in un turbine che finirà per travolgere lei stessa. Dalle nebbiose città inglesi all'Oriente delle Crociate, dalla Terrasanta al lusso della corte bizantina, Elizabeth Chadwick dipinge il ritratto di una donna straordinaria per la sua modernità, che ha amato, tradito, sofferto e lottato contro rivalità, odi e pregiudizi, proprio come una donna di oggi.

 

Mario Torelli - Storia degli Etruschi
Un profilo di storia e civiltà etrusche, dai secoli bui della protostoria all'età romana. Partendo dal discusso problema delle "origini", Torelli racconta la formazione e le vicende dell'assetto sociale e politico, l'evoluzione del sistema economico e dei rapporti commerciali e infine il progressivo tramonto della potenza e della cultura etrusche, di fronte all'affermarsi della leaderschip romana sulla penisola. In un quadro così storicamente articolato l'arte, la letteratura, la religione, i costumi e tutto ciò che ancora ci affascina di quell'antico popolo acquistano un risalto particolare, grazie anche alle numerose illustrazioni.

Massimo Polidoro - Leonardo: il romanzo di un genio
È l'alba del XVI secolo. L'Italia è divisa in una miriade di regni litigiosi e incapaci di opporsi alle mire delle grandi potenze. Tra quelle corti soggette ai capricci della guerra si aggira un personaggio bizzarro e affascinante, che sembra uscito dalla penna di uno scrittore. È un pittore e scultore che come nessun altro riesce a catturare l'anima di ciò che raffigura. È un inventore in grado di concepire monumenti di prodigiosa bellezza, architetture così ardite da superare ogni immaginazione, macchine belliche che sembrano provenire da un futuro lontano. È uno scienziato che di ogni fenomeno dell'universo vuole indagare i meccanismi profondi: il moto dei pianeti, dell'aria e dell'acqua, il volo degli uccelli, il corpo umano. Quasi non esiste disciplina in cui non dimostri una maestria senza pari. Si chiama Leonardo da Vinci. Intorno al suo nome fioriranno leggende, miti, storie fantastiche. Eppure, sono ancora molti gli enigmi e le zone d'ombra nella sua biografia. Servirebbe una macchina del tempo o lo sguardo di un testimone oculare, per poter finalmente risolvere il rompicapo di colui che da secoli rappresenta, nell'immaginario comune dell'umanità, l'incarnazione del Rinascimento. Il libro che avete in mano è esattamente questo. Attraverso le memorie - immaginarie, ma scrupolosamente documentate - di Francesco Melzi, che del maestro fu per anni amico e allievo prediletto, Massimo Polidoro ci conduce in un incredibile viaggio nella turbolenta Europa di cinquecento anni fa. Cammineremo accanto a Leonardo, seguiremo gli stupefacenti sviluppi del suo ingegno, lo ammireremo nell'attimo irripetibile della creazione delle sue opere immortali, e ascolteremo dalla sua viva voce i pensieri e le intuizioni del più grande talento universale della storia. Prefazione di Piero Angela.

Daniel Pennac - Mio Fratello
“Non so niente di mio fratello morto, se non che gli ho voluto bene.  Sento moltissimo la sua mancanza, e tuttavia non so chi ho perso.  Ho perso il piacere della sua compagnia, la gratuità del suo affetto,  la serenità dei suoi giudizi, la complicità del suo senso dell’umorismo,  ho perso la quiete. Ho perso quel po’ di tenerezza che c’era ancora  al mondo. Ma chi ho perso?”   Daniel Pennac sorprende ancora una volta il lettore con un oggetto letterario estremamente originale e toccante che intreccia il celebre racconto di Melville, Bartleby lo scrivano, alle vicende di vita del fratello Bernard.   Poco tempo dopo la morte del fratello Bernard, Daniel Pennac allestisce una lettura scenica di un celebre racconto di Melville, Bartleby lo scrivano. Per il personaggio di Bartleby, lui e Bernard avevano la medesima predilezione. Alternando qui gli estratti del suo adattamento tea­trale di Bartleby e gli aneddoti su Bernard, ricordi affettuosi, divertenti o spietati, battute piene di humour e di lucidità, Daniel Pennac tratteggia il ricordo del fratello scomparso, vero e proprio complice, insostituibile compagno di vita. E al contempo mette in luce una singolare affinità tra i due personaggi. Come Bartleby, Bernard era sempre più incline a ritrarsi deliberatamente dalla vita sociale, a un rifiuto categorico di aggravare l’entropia. A questa testimonianza di affetto fraterno, Pennac affianca riflessioni appassionate sul teatro, la recitazione e le maschere sociali. Il tutto costituisce un singolare libro d’amo­re, insieme profondo, lucido e toccante.

 

Chiara Gamberale - Una vita sottile
“Una vita sottile” è il primo libro di Chiara Gamberale, uscito quando la celebre autrice aveva appena vent’anni. Della Gamberale questo libro forte, autentico e doloroso ha tutto, compreso il grande senso di autoanalisi. 
“La vita sottile” è quella fame che ha segnato l’autrice nell’adolescenza, l’anoressia poi divenuta bulimia, che faceva di Chiara una figura sempre più esile e fragile. Il dolore lungo e ossuto della scrittrice, solo apparentemente destinato a non finire, trova nella parola scritta una catarsi. La Gamberale appare con grande intensità nei diciotto diarietti scritti con l’amica Cinzia sui banchi di scuola oltre che attraverso gli occhi di chi la ama: l’insegnante che le ha dato molto, l’amico Emiliano a cui è legata da un rapporto intensissimo, ai limiti dell’amore, il cane Jonathan che la vuole così com’è e a cui interessa solo la sua presenza. La scrittura della Gamberale fa intravedere la difficoltà e la bellezza dell’avere vent’anni: il dolore e insieme la gratitudine con cui ogni giorno ci si approccia a un’esistenza e al fatto di essere semplicemente vivi. 
“Una vita sottile” è un raggio di luce nella letteratura contemporanea, che preannuncia il grande talento della futura scrittrice di successo Chiara Gamberale.

 

Stephen King - The Outsider

La sera del 10 luglio, davanti al poliziotto che lo interroga, il signor Ritz è visibilmente scosso. Poche ore prima, nel piccolo parco della sua città, Flint City, mentre portava a spasso il cane, si è imbattuto nel cadavere martoriato di un bambino. Un bambino di undici anni. A Flint City ci si conosce tutti e certe cose sono semplicemente impensabili. Così la testimonianza del signor Ritz è solo la prima di molte, che la polizia raccoglie in pochissimo tempo, perché non si può lasciare libero il mostro che ha commesso un delitto tanto orribile. E le indagini scivolano rapidamente verso un uomo e uno solo: Terry Maitland. Testimoni oculari, impronte digitali, gruppo sanguigno, persino il DNA puntano su Terry, il più insospettabile dei cittadini, il gentile professore di inglese, allenatore di baseball dei pulcini, marito e padre esemplare. Ma proprio per questo il detective Ralph Anderson decide di sottoporlo alla gogna pubblica. Il suo arresto spettacolare, allo stadio durante la partita e davanti a tutti, fa notizia e il caso sembra risolto. Solo che Terry Maitland, il 10 luglio, non era in città. E il suo alibi è inoppugnabile: testimoni oculari, impronte, tutto dimostra che il brav'uomo non può essere l'assassino.

Giacomo Mazzariol- Gli squali
Max è un ragazzino di diciannove anni, a pochi giorni dall'esame di maturità. Con gli amici di una vita ha già pianificato il viaggio dell'estate per celebrare la sudata libertà. Ma, una sera, una novità del tutto inattesa lo coglie mentre è di ritorno a casa, facendolo persino cadere dalla bici. È una mail di Lorenzo Mutti, fondatore di un incubatore di start-up, che vuole invitarlo a Roma a visitare l'ePark. Quell'app sviluppata da Max un po' per gioco, insomma, può trasformarsi in un'opportunità. Ma è davvero ciò che lui desidera? Senza neanche rendersene conto, il giovane protagonista si trova su un treno che dalla provincia veneta lo porta dritto alla Capitale. 
Roma sarà per Max il luogo della fine dell'innocenza, di cambiamenti radicali e di scoperte inattese. Lì tutto inizierà ad andare sempre più veloce. Perché in questo mondo liquido e instabile bisogna essere squali, e, soprattutto, non si può mai essere immobili.

 

Mariolina Venezia - Rione Serra venerdì
Il quartiere Serra Venerdì fu progettato per ricollocarvi gli abitanti dei Sassi dopo l’esodo forzato degli anni ’50. Ma le utopie degli urbanisti si sono scontrate con la realtà, e Serra Venerdì è diventata Rione Apache. L’omicidio di una compagna di scuola di Imma, seguito da altri sconcertanti avvenimenti, punta il dito sulle fratture mai sanate di una Storia che sembra passare sempre sulla testa dei più deboli, e di una modernità indossata come un vestito troppo stretto. Ma certe cose, la Tataranni non le sopporta! Con l’immancabile tacco dodici percorre la Basilicata in lungo e in largo per ricostruire un episodio di cui si è perso il ricordo, lasciandosi stregare dai paesaggi e ritrovandosi a fare i conti con i propri lati oscuri. Ma questa volta la dottoressa rischia di perdere quanto ha di più caro. E forse c’è lo zampino del bel maresciallo Calogiuri.

 

Brigitte Glaser - Delitto al pepe rosa
Curve, capelli rossi e temperamento. Sono gli ingredienti irresistibili di Katharina Schweitzer, la nuova pasticcera e chef de garde-manger appena entrata a far parte dello staff del ristorante stellato Il Bue d'Oro, che il famoso cuoco Hugo Spielmann ha aperto nel centro di Colonia. Ma l'allegra brigata di cucina, cova malumori e rivalità. Poco dopo l'arrivo di Katharina, un importante cliente muore in sala mentre sta cenando: un infarto causato da un veleno è solo il primo di una serie di omicidi. Tra cadaveri congelati e assassini a colpi di salami francesi, la cuoca Katharina indaga con l'aiuto della sua coinquilina, l'intraprendente ostetrica Adela, difendendosi anche dalle avances dell'affascinante chef del Bue d'Oro.

 

Friedrich Ani - M come Mia
Un taxista scomparso, una pittoresca agenzia investigativa, le ombre del neonazismo: un giallo tedesco di alta qualità.
“In qualche modo era diverso dal solito.” L’inquietante vaghezza con cui la giornalista Mia Bischof chiede all’agenzia investigativa Liebergesell di rintracciare il suo compagno scomparso, un tassista, lascia in Tabor Süden e nei suoi colleghi un profondo disagio. Con un pedinamento finito male e la scoperta di oscuri legami tra l’estrema destra e molte delle persone in gioco, l’indagine entra in un terreno sempre più minaccioso. E mentre la polizia criminale e i servizi segreti sembrano ostacolare l’indagine per coprire delicati equilibri politici e interessi di Stato, Süden e i suoi colleghi si trovano pericolosamente soli di fronte alla violenza di una silenziosa rete di associazioni neonaziste. Un romanzo drammaticamente vicino ai fatti degli ultimi anni.

 

Claudia de Lillo - Nina sente
Nina Forte per lavoro guida un'automobile, ma non è una tassista: è un'autista NCC che ha ereditato la licenza dal padre. E una driver sui generis: colta, arrabbiata, madre di un adolescente inquieto ed ex moglie di un marito irresponsabile. Ha ottenuto un contratto di collaborazione con una banca sulla quale stanno mettendo le mani i cinesi lanciando un'offerta molto competitiva: e i clienti di Nina, quando salgono in macchina con lei, parlano, non temono di parlare, o forse non si preoccupano che lei ci sia, al volante e con le orecchie aperte. È ossessionata da un olfatto eccezionale, dalla dizione perfetta, dalla giustizia. Fra una rivelazione e uno scandalo, capisce che l'alta dirigenza della banca si sta difendendo dai cinesi con mosse oscure, destinate a lasciare intatti gli equilibri interni di potere. Nel labirinto degli eventi che segnano le torbide trattative dell'istituto bancario finisce l'indebitato Guido, amico storico di Nina, che viene trovato morto. Nina sente un odore che la perseguita e che fa da traccia, da indizio, da strada verso la soluzione del mistero. Nina Forte, intrepida driver, porta su di sé i segni del proprio tempo, delle proprie illusioni, delle proprie ossessioni. E si affaccia dalla pagina, complice come una sorella, come una ambasciatrice delle nostre inquietudini.

 

Kent Haruf - Vincoli: alle origini gi Holt
Uscito nel 1984 negli Stati Uniti con il titolo di The tie that binds, Vincoli è il romanzo d’esordio di Kent Haruf, rimasto a lungo inedito in Italia. La storia è quella della famiglia Goodnough, che lascia lo stato dell’Iowa per stabilirsi nel Colorado, con la speranza di mantenersi come agricoltori. Il posto dove si stanziano, però, è una landa desolata, arida e sabbiosa e la famiglia, composta da Roy, il padre, un negriero dispotico completamente privo di qualunque empatia, Ada, la madre, e i due figli, Edith e Lyman, è costretta a lavorare sempre più duramente per soddisfare le aspettative del padre. Ada muore pochi anni più tardi, consumata dalla fatica e dalla nostalgia per la sua terra, così Edith si trova costretta a farsi carico anche dei lavori di casa e a occuparsi da sola del fratello e del padre. La situazione non fa che peggiorare quando Roy rimane vittima di un incidente che gli mutila le dita della mano. Costretti dal senso del dovere ad accudire il genitore, diventato via via sempre più dispotico e crudele, Edith e Lyman rimangono incastrati alla fattoria, rinunciando alla possibilità di sposarsi e realizzare loro stessi altrove. Negli anni il destino sembrerà accanirsi su di loro con una crudeltà sempre maggiore, concedendo ai due ragazzi solo pochi anni di serenità, interrotta ben presto da un incidente d'auto che causerà a Lyman un cambio repentino della personalità, rendendolo violento e pericoloso. Un altro incidente, dunque, che sigillerà definitivamente il destino dei due fratelli, condannandoli ad una fine triste e tormentata.

Jonathan Coe - Middle England
In “Middle England” la voce di Jonathan Coe è sferzante e ironica come di consueto, e la critica sociale talmente pungente da diventare realtà. 
Siamo in Gran Bretagna tra il 2010 e il 2018 e gli eventi politici si susseguono uno dopo l’altro in una escalation di lotte e violenza. Dalle rivolte sociali del 2011 al referendum per la Brexit del 2016, la vita dei cittadini inglesi sta cambiando e così pure il volto del Regno Unito.
Muta anche la vita della famiglia Trotter, già nota al lettore per “La banda dei brocchi” e “Circolo chiuso”. Alcuni personaggi ci sono ancora, invecchiati e un po' ingrigiti dalla consuetudine. L’attenzione stavolta è però puntata su Sophie, la giovane figlia di Lois Trotter, una ricercatrice e inguaribile idealista. Precipitata in un matrimonio avventato, Sophie fatica a restar fedele a suo marito, col quale si scopre in totale divergenza quanto a convinzioni politiche. L’incompatibilità ideologica spezzerà il matrimonio in due, proprio come si sta spezzando intanto la Gran Bretagna stessa.

LIBRI PER BAMBINI E RAGAZZI

 

A.Pellai, B.Tamborini - Una canzone per te: viaggio musicale per diventare adulti
Questo è un libro che racconta la vita, anzi la canta. Ci sono canzoni care ai genitori che colpiscono con una potenza incredibile anche i figli: le ascoltano una volta, ne restano già affascinati e cominciano a cantarle. Ci sono canzoni che non hanno tempo. Oggi come quarant'anni fa, sono bellissime. E anche molto attuali. Perché raccontano storie, ma comunicano anche un messaggio con un valore educativo immenso. Un piccolo atlante musicale per esplorare in 50 canzoni il viaggio più bello che ciascuno di noi fa: la vita. Età di lettura: da 9 anni.

 

Massimo Caccia - C’è posto per tutti
Dopo il grande successo di Ninna nanna per una pecorella torna il segno nitido e ironico di Massimo Caccia in un racconto per immagini dedicato agli animali. Una delle storie più famose del mondo, reinterpretata attraverso uno sguardo acuto e modernissimo. Un classico dalle suggestioni inesauribili che non smette di affascinare, raccontato ai bambini attraverso la semplice e profonda bellezza di superfici, linee e colori.

 

S. Mattiangeli, M. Di Giorgio - Uno come Antonio
Antonio è imprendibile: è lì che gioca a nascondino tutto tranquillo, e poco dopo viaggia nello spazio con la tuta da astronauta; stai per acciuffarlo, ed ecco che si tuffa in piscina e non lo trovi più. E ora dov'è? Dal sindaco? Dalla regina!? Certo. Davvero non lo sai quante cose può essere un bambino?

 

Richard Scarry - Una giornata con Zigo Zago
Arriva Scarry e tutti i suoi amici con un altro libro per aiutare i bambini a prendere confidenza con oltre 700 parole. Al porto, a scuola, al parco giochi, in giardino...tanti luoghi per conoscere forme, misure, colori e parole! Lo sapevi che in un libro solo possono esserci tutte queste cose? Prova ad aprirlo e scoprirlo insieme a Zigo-Zago! Età di lettura: da 3 anni.

 

Richard Scarry - Tutto per aria
Siete tutti invitati alla Festa dell'aria assieme ai simpatici abitanti di Felicittà, per scoprire quante cose succedono lassù, come è diverso il vento a seconda delle stagioni, come volano gli uccelli... Ma soprattutto per fare un fantastico giro su aeroplani di tutti i tipi, su un elicottero e perfino su un missile! Resterete senza fiato per la sorpresa... Allora, prendete una bella boccata d'aria... si parte! Età di lettura: da 3 anni.

 

Richard Scarry - Chi ha rubato la crostata?
Qualcuno ha fatto sparire misteriosamente del cibo dal supermercato, la torta alle ciliegie preparata da Mamma Gatto è stata rubata e anche la favolosa collana di perle della signora Porcellini si è volatilizzata! Ma cosa sta accadendo a Felicittà? Non resta che indagare. Gli esperti detective della città Fiuto e Sbircia hanno già dei sospetti: devono solo mettere insieme gli indizi e assicurare quei ladri lesti di mano alla giustizia. Tre nuove storie che hanno per protagonisti due esilaranti investigatori che non esitano a travestirsi e a compiere buffonate, tre nuove coinvolgenti avventure che delizieranno i piccoli lettori. Età di lettura: da 3 anni.