IMU 2012
Sei qui: Home

IMU 2012

INFORMATIVA IMU

ALIQUOTE IN VIGORE AGGIORNATE PER IL SALDO IMU 2012

Con Decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con legge 22 dicembre 2011, n. 214 con l'articolo 13 (Anticipazione sperimentale dell'imposta municipale propria) è stata istituita a partire dal 1° gennaio 2012 l'IMU.

CHI DEVE PAGARE L’IMU

I soggetti passivi dell’IMU (cioè le persone fisiche o giuridiche obbligate al pagamento) sono:

- i proprietari di immobili, inclusi i terreni e le aree edificabili, a qualsiasi uso destinati, ivi compresi quelli strumentali o alla cui produzione o scambio è diretta l'attività dell'impresa;

- i titolari di diritti reali di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi;

- i concessionari di aree demaniali;

- i locatari di immobili concessi in leasing (anche da costruire o in corso di costruzione), a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto.

Poiché il Codice Civile riserva al coniuge superstite il diritto di abitazione sulla casa adibita a residenza familiare, se era di proprietà del defunto o di proprietà comune, il coniuge superstite può essere l’unico soggetto passivo dell’imposta, indipendentemente dalla quota di possesso spettante all’apertura della successione.

le aliquote sono state deliberate con Delibera n.7 del Consiglio Comunale del 27/06/2012

ALIQUOTE BASE

ORDINARIA

9 per mille

 

Per tutti gli immobili eccetto le ABITAZIONI PRINCIPALI

 

RIDOTTA

6 per mille


E’ abitazione principale l’immobile iscritto o iscrivibile in Catasto Urbano come unica unità immobiliare nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente.

Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile.

Non si considera abitazione principale l’abitazione data in uso gratuito a parenti, in quanto è stata normativamente abrogata tale facoltà.

La medesima aliquota si applica alle pertinenze dell’abitazione principale  che  sono eclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C2 ( magazzini e locali di deposito, come cantine e soffitte), C/6 (rimesse e autorimesse) e C/7 (tettoie chiuse o aperte), nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo

2 per mille


fabbricati rurali ad uso strumentale

 

6 per mille


per l’abitazione principale e relative pertinenze oltre che la detrazione si applicano agli anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di
ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che l’unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o usufrutti non risulti locata

DETRAZIONI

€ 200,00

Da applicasi in proporzione al periodo di possesso dell’immobile  nell’anno e, in presenza di più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi in proporzione alla quota di destinazione dell’immobile ad abitazione principale;

€ 50,00

Per ogni figlio residente nel nucleo familiare di età  non superiore a 26 anni. Si può applicare fino ad un massimo di 8 figli.

Base imponibile dei fabbricati

per i fabbricati iscritti in Catasto edilizio urbano, il valore è quello che si ottiene applicando all’ammontare delle rendite catastali vigenti al 1° gennaio dell’anno di imposizione, rivalutate del 5%, il risultato va moltiplicato per i seguenti coefficienti:

160

per i fabbricati classificati nel gruppo  catastale A e nelle categorie catastali C/2, C/6, e C/7 con esclusione della categoria catastale A/10

140

per i fabbricati classificati nel gruppo  catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4, e C/5

80

per i fabbricati classificati nella categoria catastale D/5

80

per i fabbricati classificati nella categoria catastale A/10

60

per i fabbricati classificati nel gruppo  catastale D, ad eccezione dei fabbricati classificati nella categoria catastale D/5

55

per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1

Base imponibile aree fabbricabili

La base imponibile è pari al valore in comune commercio al 1° gennaio dell’anno di imposizione avendo riguardo alla zona territoriale in cui è ubicato l’immobile, l’indice di edificabilità, alla destinazione d’uso consentita, agli oneri  per eventuali lavori di adattamento del terreno necessari per la costruzione, ai prezzi medi rilevati sul mercato della vendita di aree con analoghe caratteristiche.
Consulta la tabella del valore in comune commercio delle aree fabbricabili ai fini dell'imposta comunale sugli immobili.

I terreni agricoli nel Comune di Ispra sono esentati dal pagamento dell’IMU.

SCADENZE

VERSAMENTO

Anno 2012

Abitazione principale

18 giugno 2012

Versamento del 33,33% dell’imposta calcolata con le aliquote base

oppure versamento del 50% dell’imposta calcolata con le aliquote base

17 settembre 2012

Versamento del 33,33% dell’imposta calcolata con le aliquote base

17 dicembre 2012

Versamento del conguaglio calcolato con le aliquote approvate dal Consiglio Comunale

Altri fabbricati

18 giugno 2012

Versamento del 50% dell’imposta calcolata con le aliquote base

17 dicembre 2012

Versamento del conguaglio calcolato con le aliquote che approvate dal Consiglio Comunale

MODALITA’ DI VERSAMENTO

Il versamento dell’IMU dovrà essere effettuato con il  modello F24, che può essere pagato presso gli uffici postali, gli sportelli delle banche, o utilizzando i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (fisco on line o Entratel). Il modello F24 è reperibile sul sito dell’agenzia delle entrate oppure presso le banche. A decorrere dal 1° dicembre 2012 il versamento potrà essere effettuato anche tramite bollettino postale.

Per i contribuenti in possesso di partita IVA il versamento è possibile solo con modalità telematica,

CODICE COMUNE: E367

(da indicare sul modello  F24):

Codici tributo da indicare sul modello F24

3912

IMU abitazione principale e relative pertinenze (destinatario il Comune)

3913

IMU fabbricati rurali ad uso strumentale  (destinatario il Comune)

3914

IMU terreni (destinatario lo Stato)

3915

IMU terreni (destinatario il Comune)

3916

IMU aree fabbricabili  (destinatario il Comune)

3917

IMU aree fabbricabili (destinatario lo Stato)

3918

IMU altri fabbricati (destinatario il Comune)

3919

IMU altri fabbricati (destinatario lo Stato)

 

DICHIARAZIONE IMU

I soggetti passivi devono  presentare la dichiarazione IMU  entro 90 giorni dalla data in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta utilizzando l’apposito modello (art. 9, comma 6, D.Lgs. 23/2011). La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell’imposta dovuta.

Restano valide le dichiarazioni presentate ai fini dell’imposta comunale sugli immobili, in quanto compatibili.

Per gli immobili per i quali l’obbligo dichiarativo è sorto dal 1° gennaio 2012, la dichiarazione deve essere presentata entro il 30 novembre 2012, come modificato dal decreto legge del 9 ottobre 2012.

Per il calcolo dell’imposta è possibile utilizzare il sistema di CALCOLO ON LINE, cliccando qui (già aggiornato per il calcolo del saldo)

La presente informativa costituisce una sintesi non esaustiva per l’applicazione dell’IMU e pertanto, sarà oggetto di ulteriori aggiornamenti ed integrazioni.


INFO.
L’ufficio tributi è a disposizione per ulteriori informazioni e svolge gratuitamente il calcolo dell’IMU previo appuntamento a partire dal 29 ottobre (0332 7833400-401 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )

Aggiornato a: 10 Ottobre 2012